1. INNOVAZIONE

    Industria 4.0: la sfida è coinvolgere le Pmi

    di Niccolò Gramigni

    Le grandi aziende guidano la rivoluzione tecnologica: da Ge a Sofidel e Piaggio. Ma il ritardo sulle piccole e medie imprese è evidente: «Seguiamo la Germania, aiutiamo gli imprenditori» dicono dalla Regione. L'obiettivo è introdurre le tecnologie in oltre il 50% delle fabbriche toscane. Confindustria Toscana Sud si propone come modello per la Regione.

  2. economia

    La crisi non è passata

    di Lorenzo Ghezzi

    La Toscana crescerà nel 2017 più dell'Italia, ma l'export in rallentamento (+0,5%) non farà aumentare il Pil oltre l'1%. Manca la domanda aggregata e in modo particolare mancano gli investimenti (anche se in ripresa). Una lacuna che solo lo Stato potrebbe colmare.

  3. economia

    Locomotiva turismo anche nel 2017

    di Marta Panicucci

    Il nuovo anno consoliderà la crescita delle presenze nella regione (+3% nel 2016), anche grazie a tipologie di vacanze innovative. Resta il problema dell'abusivismo.

  4. OCCUPAZIONE

    Più posti di lavoro, ma non per i giovani

    di Alessandro Cavalieri

    L'anali dei dati Istat e Inps evidenzia anche in Toscana la tendenza ad un aumento dell'occupazione per gli over 50, mentra calano gli occupati nella fascia 25-40 anni. La mancata conferma degli incentivi (Jobs act) nel 2017 potrebbe ulteriormente rafforzare questo trend.

  5. IMPRESE

    E' iniziata la rivoluzione del terziario avanzato

    di Stefano Casini Benvenuti

    I servizi in cui l'economia toscana è specializzata sono quelli del commercio e del turismo mentre è sottodotata di quelli più orientati alle esigenze delle imprese ritenuti "ad alto contenuto di conoscenza". Ma ora qualcosa sta cambiando.

  6. moda

    Le aziende del lusso non corrono più

    di Silvia Pieraccini

    Cautela e prudenza hanno preso il posto di crescita e brillantezza. Per chi produce tessile-abbigliamento, scarpe, borse e gioielli l'orizzonte non è più roseo. Così come per l'export toscano, visto che la moda vale il 40%, cioè più di 13 miliardi di euro.

  7. commercio

    Gronchi: «Sarà un Natale a due facce»

    di Cesare Peruzzi

    Bene il turismo e il comparto del food, ancora piatto l'indice dei consumi non alimentari, con prospettive migliori per la grande distribuzione. Per il presidente di Confesercenti Toscana, il nuovo codice del commercio regionale «dovrà fare chiarezza normativa e sostenere i centri commerciali naturali».

  8. Economia

    Gli investimenti (che mancano) frenano la ripresa

    di Silvia Pieraccini e Leonardo Testai

    Più che la difficoltà di accedere al credito, le imprese subiscono l'incertezza, l'eccesso di capacità produttiva, la mancanza di prospettive sul lato della domanda. Il mercato, come sottolinea Bankitalia, non è in grado di sostenere l'offerta.

  9. agroalimentare

    Vino: l'immagine cresce, i debiti aziendali pure

    di Silvia Pieraccini

    Il paradosso di un settore che brilla "fuori" e scricchiola "dentro". Escludendo i nomi storici, si contano 300 milioni di indebitamento col sistema bancario e margini bassi. Aumenta l'offerta di imprese in vendita.

  10. attrattività

    Bassilichi: «Tra cinque anni Firenze super»

    di Cesare Peruzzi

    Il presidente della Camera di commercio del capoluogo toscano non vede una fuga di aziende dal territorio, che - dice - «sta colmando il gap infrastrutturale». La sintonia delle istituzioni e il ruolo centrale delle imprese nel rilancio della città e della regione.

  11. Sociale

    Tutti i vantaggi del nuovo welfare integrato

    di Leonardo Testai

    Razionalizzazione della spesa, soluzioni integrate per i cittadini, maggiori opportunità per il settore privato: ecco la partita che si gioca, anche in Toscana, fra il pubblico e il terzo settore.

  12. la questione industriale

    «Aferpi potrebbe lavorare il doppio»

    di Cesare Peruzzi

    L'azienda che fa capo al gruppo algerino Cevital assumerà a novembre gli ultimi 719 dipendenti della ex Lucchini. I piani d'investimento sono confermati, ma la produzione procede a singhiozzo e l'amministratore delegato Fausto Azzi (nella foto) chiede alle banche «un po' più di coraggio».

  13. riforme

    Referendum: se vince il sì, ecco cosa cambierà

    di Alberto Chellini

    Verso una definitiva chiarezza (già avviata dalla giurisprudenza di questi anni) nei rapporti Stato-Regioni, con un marcato ampliamento delle prerogative esclusivamente statali. Ma non mancano le incertezze interpretative.

  14. istituzioni

    Riforma camerale Firenze ago della bilancia

    di Leonardo Testai

    Sono iniziate le aggregazioni "forzate" tra le Camere di commercio con meno di 75mila imprese iscritte. In Toscana gli enti scenderanno da dieci a cinque. In bilico Unioncamere regionale.