1. Giordano Pascucci
    direttore Confederazione italiana agricoltori Toscana

    Sviluppo rurale, troppi ritardi dalla Regione

    L'accentramento delle competenze, il trasferimento di una parte del personale, la riorganizzazione degli uffici territoriali e dell'intera macchina amministrativa regionale ancora non è a pieno regime

  2. Lorenzo Becattini, deputato Pd, membro commissione Attività produttive della Camera

    Le Pmi tra nuovi incentivi e vecchi problemi

    Negli ultimi tre anni fra Jobs Act e Industria 4.0 è stato fatto tanto per le aziende e i dati che arrivano dall'economia sono confortanti. Restano diversi problemi, primi fra tutti le tasse alte e la burocrazia troppo macchinosa.

  3. Marco Alessandro Bani, direttore Consorzio Vino Chianti

    Una vendemmia da "stato di emergenza"

    La siccità e i danni provocati dagli ungulati hanno provocato una riduzione nella produzione di vino tra il 20 e il 40%. Chieste al Governo misure straordinarie di sostegno alle aziende.

  4. Bruno Valentini, sindaco di Siena

    Centri più vivibili se la sosta è meno cara

    Nella città del palio da ottobre sono in vigore le nuove tariffe (ridotte) per il parcheggio nelle zone limitrofe alla Ztl, con un risparmio per i residenti di 400mila euro all'anno. L'obiettivo è incentivare la gente a non abbandonare il centro storico.

  5. Riccardo Spagnoli, presidente Ance Toscana

    Gli intoppi burocratici frenano i lavori pubblici

    Il settore è stato al centro negli ultimi due anni di una "rivoluzione" normativa per la quale mancano ancora i provvedimenti attuativi. Le amministrazioni toscane mantengono una notevole capacità di programmazione delle opere pubbliche ma si scontrano con difficoltà essenzialmente procedurali.

  6. Enrico Amante, avvocato amministrativista

    Se Firenze restaura e non ristruttura

    Il Tar della Toscana ha preso le distanze dalla tesi della Cassazione che aveva bocciato i cambi di destinazione degli immobili con semplice Scia. Ma il regolamento urbanistico cittadino vieta comunque, dentro la cerchia dei viali, interventi di ristrutturazione edilizia.

  7. Marco Magrini, giornalista e scrittore

    La genetica può cambiare il distretto della concia

    Modern Meadow, start up del New Jersey, ha modificato geneticamente un tipo di lievito, in modo da fargli produrre una proteina identica al collagene bovino. Il settore della concia potrebbe essere rivoluzionato.

  8. Vincenzo Di Nardo, vice presidente nazionale Ance

    Un piano strategico per rilanciare la Versilia

    Il passato non basta: servono eventi internazionali, un territorio competitivo, una economia in salute e la capacità di rinnovare l'offerta turistica, con un forte accento su cultura e ambiente. Ma soprattutto una governance amministrativa unitaria. Il ruolo dei privati.

  9. Mario Lancisi, giornalista e scrittore

    Arezzo in cerca di una leadership politica

    L'economia manifatturiera ha saputo reagire alla crisi, ma la città soffre di un isolamento a livello nazionale e anche regionale. Manca un vera leadership politica, in grado di ridare centralità ai bisogni del territorio. A cominciare dal completamento dei collegamenti stradali e autostradali.

  10. Pino Di Blasio, giornalista del quotidiano QN-La nazione

    La "febbre gialla" e i cinesi di Toscana

    Dei 170 miliardi di dollari investiti in Italia da compagnie cinesi nel 2016 in operazioni di merger and acquisition, un po' di briciole sono arrivate anche nel Granducato. Sono tante le società toscane con partecipazioni di Pechino.

  11. Paolo Napoli, partner Jps

    La cultura d'impresa vale più della tecnologia

    Esistono perdite di efficienza dovute all'impiego di software troppo complessi, di contro hanno successo progetti nei quali la tecnologia è stata il punto d'arrivo di un percorso di innovazione articolato: una "rivoluzione" partita dalle persone.

  12. Gaetano Scognamiglio, presidente Fondazione Promo Pa

    Comuni toscani: il confronto ci conforta

    Nel panorama della pubblica amministrazione, lo stato di salute dei nostri enti locali, nonostante tagli e crisi, presenta spunti di ottimismo se paragonato al resto d'Italia.

  13. Gianluca Tenti*, giornalista e scrittore

    Stessa spiaggia, stesso mare... stessa Versilia

    Qui è stata inventata la villeggiatura nell'accezione moderna. Una lingua di sabbia che ha il pontile del Forte e la Capannina come simboli intramontabili, oggi come negli anni Sessanta. Mare marrone e bandiere blu.

  14. Giuseppe Liberatore, consigliere Federdoc con delega ai rapporti politico - istituzionali

    Dal Ceta benefici per le produzioni toscane

    L'accordo commerciale tra Ue e Canada offre nuove opportunità agli agricoltori e ai produttori del settore agroalimentare su una serie di produzioni chiave per l'export comunitario (vini, formaggi, ortofrutticoli, prodotti trasformati) e certifica il riconoscimento e la tutela di un certo numero di prodotti a Indicazione geografica.

  15. Carlo Santarelli, presidente Consorzio pecorino toscano Dop

    L'accordo Ceta mette a rischio il "made in Italy"

    Il trattato economico e commerciale globale siglato fra Unione europea e Canada penalizza in particolare il settore agroalimentare nazionale, favorendo il rischio di imitazioni e contraffazioni. Il Consorzio pecorino toscano Dop intensificherà i controlli anche sul Web.

  16. Olga Mugnaini, giornalista del quotidiano La Nazione

    Firenze apre la "scuola" di Zeffirelli

    La scommessa del «Centro internazionale per le arti dello spettacolo», che sarà inaugurato il 31 luglio, è diventare non tanto un museo ma un posto dove insegnare ai giovani di tutto il mondo come diventare artisti di domani, nel cinema, nel teatro e nella lirica.

  17. Moreno Panchetti, presidente consulenti lavoro firenze

    L'appalto di manodopera va combattuto

    Le aziende ricevono proposte per la fornitura di forza lavoro a costi vantaggiosi. Ma spesso rischiano di doversi prendere in carico questo personale come dipendente.

  18. Giampiero Maracchi, presidente Accademia Georgofili

    Un piano contro le bizze del clima

    I mutamenti della situazione meteorologica comportano la necessità di un ragionato piano delle acque per la Toscana in modo da garantire l'attività agricola, gli usi civili e industriali, in un futuro in cui questo problema continuerà a ripetersi sempre più spesso.

  19. Francesco Bechi, presidente Federalberghi Firenze

    I flussi turistici vanno governati, non subiti

    Recuperiamo il tempo perso ed interveniamo da un lato sul contenimento dell'offerta, dall'altro sulle premialità per chi dorme nell'area metropolitana. Indispensabile la realizzazione di un visitors center.

  20. Paolo Regini, presidente Alia

    Rifiuti, Alia modello per un gestore unico regionale

    La nuova società, nata dall'aggregazione di Quadrifoglio Firenze, Asm Prato, Publiambiente Empoli e Cis Montale, può rappresentare il punto di riferimento a livello regionale per la costituzione di un soggetto unitario.

  21. Alberto Ricci, presidente Confindustria Livorno Massa Carrara

    Più coerenza dalla Regione su bandi e pianificazione

    Se il territorio è stato riconosciuto e catalogato come area di crisi complessa, come può disporre di un sistema di imprese cosiddette dinamiche, caratteristica indispensabile per essere ammessi alla selezione?

  22. Oliviero Roggi, presidente The Risk Banking and Finance Society

    La salute delle banche e i rischi del populismo

    Gli eventi politici inattesi generano sempre più frequentemente instabilità sui mercati finanziari globali. Ma a farne le spese sono soprattutto gli istituti di credito più piccoli.

  23. Giulio Grossi, presidente Confindustria Toscana Nord

    Molto più forti dopo la fusione

    La nascita di Confindustria Toscana Nord (Lucca, Pistoia e Prato) è stata in primo luogo fortemente sentita e voluta dagli imprenditori e solo in seconda istanza resa possibile da valutazioni positive sul piano patrimoniale, economico e strategico.

  24. Matteo Spanò, presidente federazione toscana Bcc

    Gruppo bancario unico per tutte le Bcc

    La proposta di Iccrea è la più valida sia per motivi legati alla nostra storia, sia per precisi fondamentali tecnici. La Toscana si sta muovendo in questa sirezione.