Oggi | 10 aprile 2018 18:05

Lezione di tasse, commercialisti in classe a Prato


Sono oltre 400 gli studenti coinvolti nel 'Progetto scuola' lanciato dall'Ordine dei Commercialisti di Prato, che ha scelto di inviare i professionisti associati in cattedra per spiegare ai bambini delle elementari perché si pagano le tasse, e ai ragazzi delle superiori come funziona più nel dettaglio il Fisco.

Agli alunni delle primarie vengono spiegati, anche con l'aiuto di un volumetto a fumetti, il valore e i benefici della legalità fiscale, educando i bambini a diventare cittadini attivi che controllano l'operato di chi amministra il bene pubblico e combattono l'evasione fiscale. Si parla di diritti e di doveri, di tasse e di come si pagano, e alla fine ci si chiede anche cosa accadrebbe se nessuno pagasse le tasse.

Alle superiori invece le lezioni vertono su temi che vanno dal ruolo del commercialista agli adempimenti per mettere in piedi un'impresa, dal sistema tributario alle regole del fisco, dalla cedolare secca alle successioni, dalle compravendite alle dichiarazioni dei redditi.

«Diffondere conoscenze di carattere fiscale è fondamentale per i semplici cittadini e per chi magari diventerà imprenditore», afferma il presidente dell'Ordine, Filippo Ravone, ricordando che gli studi dei commercialisti sono già a disposizione dei ragazzi per l'alternanza scuola-lavoro. Il progetto per le primarie è partito con le scuole 'Lorenzo Bartolini' di Vaiano - dove ha già coinvolto dieci classi - ed è arrivato all'Istituto Gandhi di Sant'Ippolito e a San Niccolò; al progetto per le superiori hanno aderito Istituto Gramsci-Keynes, Dagomari e liceo scientifico Copernico.