Oggi | 13 febbraio 2018 07:59

Adeguamento antisismico, 56 milioni sulle scuole

Quasi cento scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado in Toscana potranno essere messe in sicurezza contro il rischio sismico: i Comuni potranno infatti contare su 56 milioni che il ministero dell'Istruzione ha appena stanziato - assicurando oltre un miliardo sul territorio nazionale - per la messa in sicurezza dal rischio sismico delle scuole del loro territorio.

Saranno in tutto 93 gli edifici scolastici, fra costruzioni datate e recenti, che potranno beneficiare degli interventi di prevenzione sismica.

Le scuole oggetto di interventi saranno 28 nell'area della città metropolitana di Firenze (oltre al capoluogo, nei comuni di Borgo San Lorenzo, Campi Bisenzio, Cerreto Guidi, Empoli, Firenzuola, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montespertoli, Rignano sull'Arno, Rufina, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci, Scarperia e San Piero, Sesto Fiorentino), 15 a Lucca (ad Altopascio, Bagni di Lucca, Barga, Borgo a Mozzano, Capannori, Castelnuovo Garfagnana, Coreglia Antelminelli, Forte dei Marmi, Minucciano, Montecarlo, Piazza al Serchio, Pietrasanta, Porcari), 12 a Pistoia (a Cutigliano, Massa e Cozzile, Montale, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Quarrata, San Marcello Pistoiese), 11 ad Arezzo (a Bibbiena, Bucine, Caprese Michelangelo, Castiglion Fibocchi, Cavriglia, Cortona, Laterina, Pergine Valdarno, Sansepolcro, Subbiano), 9 a Siena (nel capoluogo e a Castellina in Chianti, Murlo, Poggibonsi, San Gimignano, Sarteano, Torrita di Siena), 6 a Pisa (a Buti, Crespina Lorenzana, Pomarance, Calcinaia, Terricciola), 5 a Grosseto (nel capoluogo, ad Arcidosso e Cinigiano), 4 a Massa Carrara (ad Aulla, Carrara, Fivizzano e Licciana Nardi), una per le province di Livorno (a Castagneto Carducci) e Prato (a Montemurlo).

I Comuni avranno 18 mesi di tempo dalla pubblicazione dell'atto in Gazzetta Ufficiale per l'aggiudicazione dei lavori alle imprese mediante gare: la Regione fa sapere che, con gli assessorati all'istruzione e all'ambiente, si sta organizzando per accompagnare i Comuni in questo percorso, e consentire loro il rispetto dei termini (legati all'affidamento provvisorio delle gare) in modo da evitare un eventuale definanziamento.

Le risorse assegnate, secondo il Ministero, serviranno prioritariamente per interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione per sostituzione degli edifici esistenti nel caso in cui l'adeguamento sismico non sia conveniente - in Toscana ci sono otto casi di questa tipologia; interventi finalizzati all'ottenimento del certificato di agibilità delle strutture; interventi di messa in sicurezza resisi necessari a seguito delle indagini diagnostiche sui solai e sui controsoffitti; interventi per l'adeguamento dell'edificio scolastico alla normativa antincendio previa verifica statica e dinamica dell'edificio.