Oggi | 12 febbraio 2018 12:11

«Pesca, a rischio 3mila posti di lavoro»

«Il mondo della pesca è sempre più in crisi: con la fine degli sgravi contributivi sono a rischio 3mila posti di lavoro». E' l'allarme lanciato da Federcoopesca-Confcooperative Toscana: «Il sistema è a rischio collasso per la cancellazione del regime contributivo che da 20 anni è applicato al sistema pesca, con la richiesta dei contributi Inps e Inail, maggiorati anche del 50% per il 2017. La prima scadenza è il 16 febbraio, con il versamento da parte delle imprese dei contributi Inail: il ministero delle Politiche agricole ha assicurato che verrà emanata in tempo una circolare per ripristinare il consueto regime, ma sono giorni di grande preoccupazione per il settore».

Secondo Andrea Bartoli, responsabile zona nord di Federcoopesca-Confcooperative Toscana «tutti i progetti di riqualificazione e valorizzazione della filiera sono a rischio, così come gli investimenti». A farne le spese sarà il pescato della zona «la cui commercializzazione - continua Bartoli - diventerà molto onerosa e gradualmente verrà sostituita dal prodotto estero, di provenienza dubbia. Per questo abbiamo deciso di dichiarare lo stato di agitazione».