Oggi | 12 gennaio 2018 17:43

Firenze si conferma al top per il turismo congressuale

Firenze si conferma una delle destinazioni preferite per il turismo congressuale. Nel triennio 2018-2020 - secondo quanto rende noto Firenze Fiera - si svolgeranno 19 congressi, con la partecipazione totale di oltre 20mila delegati. L'impatto economico complessivo stimato è di 21 milioni, tra pernottamenti e servizi relativi all'organizzazione.

«L'ottima performance registrata nel 2017 - dice Leonardo Bassilichi, presidente di Firenze Fiera - è un'ulteriore conferma dell'importanza dell'offerta del polo congressuale fiorentino per lo svolgimento dei più importanti congressi nazionali e internazionali. Stiamo investendo tutti di più su una rinnovata cultura, non soltanto concettuale ma anche operativa, della meeting industry come asset strategico del nostro territorio, mettendo a disposizione know how specifici e dotazioni strutturali, cioè spazi congressuali sempre più adeguati alle esigenze di mercato, all'avanguardia per dotazioni tecnologiche e altamente competitivi per l'unicità e la bellezza impareggiabile delle location». Firenze Fiera si conferma la location preferita: nel triennio 2018-2020 sarà sede di 14 congressi.

Secondo Carlotta Ferrari, direttore del Firenze Convention bureau, «Firenze si conferma in costante crescita ed è infatti stata inserita tra le prime cinque destinazioni italiane richieste per congressi ed eventi corporate del 2017. Tutto questo conferma che il turismo business è un incubatore di ricchezza per l'economia della destinazione».

«L'incremento del turismo congressuale rappresenta uno dei nostri obiettivi principali – dice Anna Paola Concia, assessore al Turismo del Comune di Firenze -. La sinergia tra pubblico e privato rappresenta un valore aggiunto per sviluppare sempre di più il turismo di qualità, destagionalizzare i flussi e prolungare la permanenza dei visitatori a Firenze».