Oggi | 11 ottobre 2017 17:38

Albor (cornici) in crisi, la Regione si muove

La Regione scende in campo al fianco dei lavoratori della Albor di Badia a Cerreto (Gambassi Terme) per tentare di salvare la storica azienda di cornici, finita da anni in una grave crisi economica. Sono 39 i dipendenti in contratto di solidarietà che rischiano il posto: il 4 ottobre la proprietà ha presentato un concordato in bianco.

Per trovare una soluzione alternativa, oggi si sono incontrati in Regione il consigliere del presidente Enrico Rossi per il lavoro, Gianfranco Simoncini, il sindaco di Gambassi, Paolo Campinoti e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali.

Simoncini, spiega una nota regionale, ha risposto alle preoccupazioni dei sindacati «garantendo il pieno impegno della Regione, che metterà in campo tutti gli strumenti possibili per sostenere l'obiettivo del consolidamento e del rilancio dell'azienda».

Ieri, alla vigilia del tavolo, Alessandro Lippi di Fillea Cgil e Sergio Luschi, coordinatore Cgil per l'Empolese Valdelsa avevano indicato la necessità di «capire se ci sono soluzioni per rendere di nuovo competitiva la Albor» perché, spiegano, «le strutture ci sono, il capannone andrebbe sfruttato, ma bisogna vedere se ci sarà chi vuole prendersi carico dell'azienda».