Oggi | 14 settembre 2017 05:21

Il Consorzio del Chianti chiede interventi straordinari

Siccità, sostegno al reddito per le imprese, sburocratizzazione, registro telematico ed ex voucher: sono i temi sottoposti al ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, dal Consorzio del vino Chianti che chiede un intervento straordinario.

«I viticoltori stanno lavorando con la grande difficoltà, come non accadeva da decenni. La qualità è garantita, ma in alcune zone abbiamo registrato cali di produzione del 50% - spiega Giovanni Busi, presidente del Consorzio - Abbiamo chiesto al ministro di gestire questa situazione con interventi straordinari. A rischio ci sono gli investimenti delle imprese e i posti di lavoro».

Per dare respiro alle aziende, il Consorzio chiede una moratoria sui pagamenti alle banche, enti previdenziali e detassazione fiscale. «Data l'eccezionalità del fenomeno - dicono - a nulla servono i normali strumenti oggi in essere, come l'assicurazione agevolata».

Guardando al futuro il Consorzio invoca una nuova gestione delle risorse idriche disponibili, lo sviluppo di una rete di bacini strategica, costi e carichi burocratici ridotti per la manutenzione.