Oggi | 12 settembre 2017 09:28

Da UbiBanca un plafond di 20 milioni per Livorno

Un plafond da 20 milioni e la sospensione per massimo 12 mesi del pagamento di mutui e finanziamenti: è il sostegno deliberato da Ubi Banca (istituto bancario che ha incorporato Banca Etruria), dopo l'alluvione che ha colpito la provincia di Livorno nella notte fra il 9 e il 10 settembre. L'importo è destinato a famiglie, privati, aziende, imprese agricole e piccoli operatori economici che hanno necessità di ripristinare i beni e le attività danneggiate.

L'erogazione del credito avverrà attraverso finanziamenti chirografari a medio-lungo termine, a tassi di particolare favore e senza spese di istruttoria.
Dieci milioni saranno destinati a favore di persone fisiche, per la copertura dei costi delle abitazioni principali. L'importo massimo finanziabile è di 100mila euro, con durata massima 120 mesi. Gli altri dieci milioni andranno a favore delle aziende, per il ripristino degli stabilimenti danneggiati dall'alluvione. Sono beneficiarie le aziende che alla data dell'alluvione avevano la sede legale o unità produttive nel territorio del Comune di Livorno. L'importo massimo del finanziamento è di 200mila, con durata massima 60 mesi.

Ubi Banca non è l'unico istituto di credito a muoversi per Livorno: Unipol Banca ha stanziato un plafond da 15 milioni di euro per la concessione di finanziamenti a condizioni agevolate finalizzati al ripristino degli immobili danneggiati e al ripristino o alla sostituzione dei beni mobili danneggiati. Unicredit mette a disposizione una moratoria di 12 mesi sulle rate dei mutui ipotecari e chirografari per le imprese con sede legale/operativa nella zona colpita dall'alluvione che abbiano subito danni, e per tutti i clienti privati intestatari di mutui ipotecari residenti in uno dei comuni interessati che siano stati danneggiati dall'evento.

Leggi anche: Rossi chiede interventi eccezionali per Livorno (11/9/2017)