Oggi | 17 maggio 2017 16:34

Sesa entra nel capitale di Cabel


Alleanza targata Empoli tra Sesa, uno dei principali operatori It nel segmento business in Italia, con un giro di affari di oltre 1,2 miliardi, e Cabel, che fornisce servizi al comparto finanziario e ha un giro d'affari di 30 milioni.

In particolare, il gruppo Sesa ha annunciato l'ingresso con una quota di minoranza (3,86%) nel capitale di Cabel holding tramite l'acquisto da parte di Sesa e della controllata Var group di due partecipazioni uguali, pari all'1,93% ciascuna. L'accordo di partnership industriale ha l'obiettivo di generare sinergie supportando il gruppo Cabel nel proprio sviluppo con la fornitura di servizi (tra i quali strategic outsourcing e disaster recovery) e l'utilizzo del datacenter proprietario di Sesa. Var group inoltre supporterà la commercializzazione dei servizi Erp di Cabel sul mercato italiano attraverso la propria rete commerciale.

L'investimento complessivo di Sesa, per l'acquisto del 3,86% di Cabel, è stato di 2 milioni. Cabel holding ha chiuso il bilancio al 31 dicembre 2015 con ricavi consolidati per oltre 30 milioni, un Ebitda di oltre 5 milioni, un utile netto consolidato di circa un milione, con un patrimonio netto di 42 milioni ed una posizione finanziaria netta attiva per circa 4 milioni.

«L'acquisto di una quota di partecipazione nel capitale di Cabel holding rappresenta un'opportunità di rafforzare i legami già consolidati tra due gruppi industriali che insistono all'interno del stesso polo tecnologico di Empoli, supportando progetti di sviluppo del capitale umano e di soluzioni software internazionali di primari Vendor dell'IT come Oracle, nostro partner di riferimento», commenta Paolo Castellacci, presidente di Sesa.

«Grazie a questa partnership, Cabel e Sesa sanciscono un accordo di collaborazione, non solo negli ambiti già da tempo collaudati, ma si ripromettono di sviluppare assieme nuovi progetti e nuove strategie. La nostra complementarietà, unitamente alle forti competenze di entrambi i gruppi, sia in ambito tecnologico che della fornitura di servizi, non potrà che creare valore anche in ottica di costante crescita dei nostri rispettivi posizionamenti di mercato anche a beneficio del nostro polo tecnologico», sottolinea Francesco Bosio, presidente di Cabel holding.