Oggi | 3 maggio 2017 17:14

Gida entra nel programma Elite e prepara i mini-bond

Gida entra nel programma Elite di Borsa Italiana e si prepara a crescere. La società che ha come soci il Comune di Prato (47%), Confindustria Toscana Nord (45%) e il gruppo Consiag (8%), gestisce i depuratori idrici di Baciacavallo, Calice e della Vallata. Oggi è stata ammessa al programma che raggruppa oltre 500 imprese internazionali ad alto potenziale di crescita grazie alla solidità e alla trasparenza dei bilanci.

L'ingresso, precisa la società, non è legato ad un progetto di quotazione in Borsa, ma a nuove opportunità di sviluppo e di ricerca di capitali come l'emissione di mini-bond. Gida avrà ora accesso a moduli di formazione manageriale coordinati dall'Academy di Borsa Italiana e dall'Università Bocconi, sui temi dell'internazionalizzazione, cultura aziendale e governance al servizio della crescita, sistemi di reporting, comunicazione strategica d'impresa e reperimento delle risorse finanziarie.

«Essere ammessi al percorso Elite - commenta il direttore generale di Gida Simone Ferretti - è il risultato di tre anni di lavoro sull'efficientamento dell'azienda e sulla continua ricerca, che hanno portato ad investimenti corretti, tanta formazione e al miglioramento delle performance, sia ambientali che economico-finanziarie. Il valore di Gida è aumentato e il prossimo piano industriale porterà anche nuovi posti di lavoro e investimenti che incideranno per circa 10milioni di euro sull'indotto pratese e toscano».

«Il percorso iniziato da Gida - aggiunge il presidente Alessandro Brogi - va inteso con la ricerca continua della trasparenza e dell'efficienza della gestione. Siamo felici che gli sforzi fatti in questi anni siano stati premiati da Borsa Italiana: l'ingresso in Elite è per noi stimolo al proseguimento del lavoro svolto fino ad oggi verso un continuo miglioramento del servizio per la comunità».