Oggi | 16 marzo 2016 13:05

Menarini lancia una joint-venture per i vaccini

Una joint-venture che ha l'obiettivo di sviluppare nuove tecnologie per i vaccini: l'hanno creata il gruppo Menarini, un investimento da 100 milioni, con la sua controllata Menarini NewTech, e BiosYnth, azienda pioniera nell'ambito delle tecnologie per la produzione di vaccini coniugati.

La nuova società, che avrà il nome di VaxYnethic, condurrà un progetto di ricerca a medio-lungo termine su una piattaforma tecnologica di produzione biofarmaceutica innovativa: obiettivo è lavorare a una nuova tecnologia che permetta di velocizzare i processi di produzione biofarmaceutica, e collaborare con altri players presenti nel mercato così da permettere di diminuire i tempi di produzione dei vaccini, e soddisfare la domanda crescente nel mondo.

«Siamo contentissimi della nascita di VaxYnethic con cui continuiamo a proiettare ancor di più l'azienda verso le tecnologie avanzate», commentano Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, presidente e vicepresidente del gruppo Menarini. «BiosYnth e Menarini - aggiungono - hanno conoscenze tecnologiche complementari e sono entrambe italiane, addirittura toscane. Questo è anche un bel segnale della vitalità del nostro Paese».

Massimo Porro, presidente di BiosYnth e neoamministratore delegato di VaxYnethic, sottolinea che «la nuova iniziativa è anche merito di un'altra azienda italiana, la Azimut Global Counseling, che ha inizialmente interfacciato le due aziende con il progetto Libera Impresa e che ha creduto fin dall'inizio nei benefici derivanti dalla complementarietà delle due aziende oggi partecipanti alla joint-venture».